Italian - ItalyEnglish (United Kingdom)Deutsch (DE-CH-AT)
Sei qui Home News La città dell'Argento, IL CORRIERE DELLA SERA
PDF  Print  E-mail  Saturday, 26 March 2011 10:12
There are no translations available.

Tophet e domus de janas. Riti di 4 mila anni fa, nei villaggi prenuragici, quando le popolazioni del vicino Oriente arrivavano a Sulky, città dell'argento ( poi la romana Sulci ora Sant'Antioco ), barattavano il loro rame con l'argento estratto dalle miniere.

A Sant'Antioco quasi sotto ogni casa c'è una tomba preistorica, scavata nella roccia calcarea.E a monte il grande Tophet, area di sepoltura dei bambini morti prima di compiere due anni ( e di fare l'iniziazione del salto nel fuoco ), con accanto il museo archeologico: tra amuleti e reperti di riti magici, il Divino Arciere, raro bronzetto nuragico trafugato, finito in Svizzera e avventurosamente recuperato in un museo di Cleveland, una storia da Indiana Jones. L'"arciere Sulcitano" è il pezzo forte dei 13 reperti che il Cleveland Museum of Art, negli USA, ha restituito nel 2009 all'Italia.  Il bronzetto nuragico è tornato a Sant'Antioco nel Museo Archeologico sulcitano, dopo una piccola odissea. Era stato trafugato probabilmente per essere immesso nel mercato clandestino. Dopo essere finito in Svizzera è stato recuperato in America.

Fonte: Il Corriere Della Sera, Alberto Pinna

 
try { var pageTracker = _gat._getTracker("UA-11410147-1"); pageTracker._trackPageview(); } catch(err) {}