Italian - ItalyEnglish (United Kingdom)Deutsch (DE-CH-AT)
Sei qui Home News Gioielli dei Punici in mostra da sabato al Museo Barreca
PDF  Print  E-mail  Monday, 16 April 2012 10:03
There are no translations available.

L’Amministrazione comunale inaugura la XIV Settimana della Cultura sabato 14 aprile alle 18 presso il Museo archeologico Ferruccio Barreca con la conferenza di Francesca Cenerini, docente all’Università di Bologna, su “Pensieri, parole e oggetti degli antichi abitanti di Sant’Antioco”.

A seguire si aprirà la mostra “Il Gioiello: ieri, oggi e domani”, esposizione temporanea sul gioiello punico e sulla sopravvivenza delle antiche tecniche orafe nella tradizione sarda, a cura di Sara Muscuso. Alla mostra partecipano gli orafi sardi Caterina Espa, Galdino Saba, Massimo Soro e Franco Zedda. Inoltre in occasione della Settimana della Cultura la Soprintendenza ai Beni Archeologici per le Province di Cagliari e Oristano nei giorni di martedì e mercoledì, 17-18 aprile, dalle 9 alle 13 aprirà al pubblico i magazzini della sede operativa di Sant’Antioco in via Bolzano.

«Questo convegno nasce – dice Francesca Cenerini – in occasione delle nuove acquisizioni, iscrizioni che il Museo di Sant’Antioco ha ricevuto dal Museo Archeologico Nazionale di Cagliari a fine dicembre e che facevano parte di una serie già nota e rinvenuta in diverse epoche che doveva essere resa alla città.

Credo sia importante notare che le vecchie pietre, le iscrizioni, i resti archeologici ci raccontano di un passato che fa parte della nostra storia, della nostra identità.

Un patrimonio di cui essere orgogliosi e che può aiutarci anche a leggere e definire il nostro futuro». Fra le iscrizioni un calco di una pietra trafugata nel secolo scorso ma assolutamente fedele, che racconta come all’imboccatura del porto, nei pressi del Castel Castro si trovava un tempio di Iside e Serapide, la prima soprattutto protettrice dei marinai. La festa si svolgeva con una barca infiorata che ricorda la cerimonia che oggi si tiene in onore di San Pietro.

Fonte : Carlo Floris, La Nuova Sardegna
14 aprile 2012

 
try { var pageTracker = _gat._getTracker("UA-11410147-1"); pageTracker._trackPageview(); } catch(err) {}