Italian - ItalyEnglish (United Kingdom)Deutsch (DE-CH-AT)
Sei qui Home Rassegna Stampa Riecco una notte al museo
PDF  Print  E-mail  Friday, 09 May 2008 09:40
There are no translations available.

Quest’anno cadrà nella notte di sabato 17 maggio la «Notte dei Musei».

Un avvenimento internazionale promosso dalla direzione dei Musei di Francia insieme all’Icom, Consiglio Internazionale dei Musei. In questa occasione l’amministrazione Comunale di Sant’Antioco - in collaborazione con la Cooperativa Archeotur - ha preparato la manifestazione «La Notte dei Musei La cultura incontra la musica». Il Museo Archeologico Ferruccio Barreca sarà aperto al pubblico dalle ore 20 alle 24 con ingresso gratuito. La serata sarà animata da un concerto tenuto da giovani musicisti del Conservatorio di Cagliari, cui seguirà una degustazione eno-gastronomica offerta dai produttori locali, sarà possibile assaggiare i prodotti del panificio Calabrò insieme ai vini della Cantina Sociale Sardus Pater, agli insaccati di pesce e sottolio di Efisio Salis e tanti altri. A predisporre le diverse specialità locali saranno gli studenti dell’Istituto professionale alberghiero di Iglesias, che collaboreranno prestando il loro servizio durante la serata. Sarà possibile inoltre accedere anche ad altre strutture, come ad esempio «Su Magasinu e Su Binu», museo etnografico della produzione agricola locale dove nel corso della serata sarà proposto un laboratorio didattico dal titolo «Dalla spiga al grano» in cui si potrà scoprire come l’uomo nel corso del tempo è arrivato a portare il pane in tavola a partire dalle spighe del grano. Sarà anche possibile attraverso la visita guidata gratuita osservare varie testimonianze della vita contadina dell’isola.  «La notte dei musei» è un avvenimento studiato proprio per avvicinare quanto più possibile le persone ai luoghi della cultura a quei giacimenti culturali, quali sono appunto i musei, che rischiano di essere solo raccolte di polvere se non animati dalla presenza dei visitatori, adulti e piccini. La passione per la visita dei luoghi della cultura deve essere trasmessa fino in tenera età e per questo le manifestazioni come questa prevedono una serie di attrattive per tutte le età. L’anno scorso la manifestazione aveva richiamato una grande folla ed aveva riscosso un ottimo successo di pubblico, i cibi del territorio insieme al patrimonio culturale costituiscono un insieme di grande attrattiva per le famiglie. 

Fonte:  Carlo Floris, La Nuova Sardegna

 
try { var pageTracker = _gat._getTracker("UA-11410147-1"); pageTracker._trackPageview(); } catch(err) {}