Italian - ItalyEnglish (United Kingdom)Deutsch (DE-CH-AT)
Sei qui Home Rassegna Stampa Il corredo della mummia esposto in vetrina
PDF  Print  E-mail  Monday, 21 May 2007 08:50
There are no translations available.

Centinaia di visitatori tra i siti di Monumenti aperti e per La nuit des musèes

L a tomba della Mummia è stata l'attrazione di 'Monumenti aperti' e del 'La Nuit des Musèes', la manifestazione culturale che si è svolta tra sabato e domenica a Sant'Antioco e che ha aperto al pubblico i tesori culturali della città. Al Museo archeologico 'Ferruccio Barreca' il direttore scientifico Piero Bartoloni ha, infatti, temporaneamente allestito una vetrina contenente il corredo della tomba nota come 'Tomba Della Mummia' scoperta per caso recentemente sotto una abitazione privata. La tomba datata alla fine del IV secolo a.C., era stata utilizzata nel tempo e conteneva almeno venti corpi. I reperti, esposti per la prima volta, appartenevano sicuramente a dei modesti proprietari. «Hanno fornito numerosi dati di grande valore scientifico - ha spiegato Piero Bartoloni - per la ricostruzione dei riti funebri e della vita quotidiana nel mondo punico». La scarsa umidità della tomba ha permesso che le tracce e gli oggetti si conservassero perfettamente. Sono stati rinvenuti resti organici, vasi in argilla e in terra cruda, suppellettili e monili. Tra i resti di vestiario, degli zoccoli in legno la cui tomaia era costituita da una striscia di cuoio traforata e che, date le loro dimensioni, appartenevano sicuramente ad una donna. In particolare poi un sudario in lino chiuso da spilloni di ferro che avvolgeva come una mummia il capo del defunto e che ha dato il nome alla tomba. Ad invadere pacificamente la città sono stati quasi duemila visitatori di diversi paesi della Sardegna, di oltre Tirreno ma anche stranieri, specialmente turisti tedeschi. Tra gli ospiti più importanti, oltre il senatore a vita Giulio Andreotti arrivato sabato, sono stati numerosi tour operator presenti a Cagliari al Tti Sardegna e rappresentanti stranieri di 'monumenti aperti internazionali' a cui aderisce anche il Comune e la cooperativa Archeotur.

Per 'Monumenti aperti' sono stati quindici i siti, di cui undici in città e quattro fuori città, ad attrarre i visitatori che sono stati guidati nelle visite dai soci della cooperativa Archeotur, che da anni gestisce le visite guidate nei musei e siti archeologici cittadini. Per la 'Nuit des Musees', invece, sono rimasti aperti sino a mezzanotte solo i due musei. «Con il museo etnografico a cui è poi seguito quello archeologico abbiamo aderito all'iniziativa sin dal primo anno - ricorda il presidente della cooperativa Ignazio Marroccu - che ha contribuito a farci conoscere anche all'estero». Per due giorni la manifestazione è stata una macchina perfetta. Infatti insieme alle guide della cooperativa per l'occasione hanno collaborato circa altre duecento persone appartenenti a volontari di associazioni e studenti delle scuole cittadine.

Fonte: Tito Siddi, L'Unione Sarda

 
try { var pageTracker = _gat._getTracker("UA-11410147-1"); pageTracker._trackPageview(); } catch(err) {}