Italian - ItalyEnglish (United Kingdom)Deutsch (DE-CH-AT)
Sei qui Home Rassegna Stampa Il fascino di Sant'Antioco
PDF  Print  E-mail  Thursday, 04 July 2002 07:49
There are no translations available.

Tra gli itinerari che stiamo proponendo, non poteva mancare l’isola di Sant’Antioco. Soprattutto, la visita alla città più rappresentativa per storia e cultura nell’intero Sulcis.

Situata a sud ovest della Sardegna, Sant’Antioco
è facilmente raggiungibile attraverso un moderno ponte. Il suo clima mite e il suo mare cristallino,le incantevoli scogliere, le bellissime spiagge, le isolate calette e la cordialità della sua gente ne hanno fatto la meta ideale per trascorrervi indimenticabili vacanze in tutti i periodi dell’anno, gustando i piatti dell’ originale cucina locale accompagnati a soavi vini corposi.
Col nome di ”solky” è stata l’insediamento fenicio più antico del Mediterraneo. Oggi si possono ammirare le vestigia dei tanti popoli che vi hanno lasciato il segno della loro presenza. L’itinerario che propone l’Archeotur, la cooperativa che gestisce i siti archeologici, è vario e interessante.
Il biglietto unico comprende diverse visite illustrate da guide preparate al contatto col pubblico e competenti: il museo archeologico offre un’esaustiva presentazione delle principali tappe dello sviluppo storico della città e dell’isola, mentre il museo etnografico, ricavato in un antico magasinu
ristrutturato, propone nel corpo principale, nel cortile interno e nelle lollas utensili, attrezzi e strumenti usati nel lavoro, nelle abitazioni e nella vita quotidiana della più recente civiltà agro pastorale.
Il thophet, un’area a cielo aperto su una collina denominata Sa guardia de is pingiadas
(la collina delle pentole), veniva utilizzato dai fenici per l’inumazione dei propri morti, specialmente quelli di età infantile.
Il villaggio ipogeico è formato da tombe puniche riutilizzate in epoche successive come abitazioni dalle classi sociali più povere.
La necropoli attualmente non è visitabile perché oggetto di scavi.
Ma non preoccupatevi: l’Archeotur propone delle escursioni guidate nelle aree più suggestive dell’isola. Basta prenotare per andare alla scoperta di luoghi di particolare interesse archeologico e naturalistico come nuraghi, pozzi sacri, laghetti e tombe di giganti.
Tito Siddi

 
try { var pageTracker = _gat._getTracker("UA-11410147-1"); pageTracker._trackPageview(); } catch(err) {}