Italian - ItalyEnglish (United Kingdom)Deutsch (DE-CH-AT)
Sei qui Home Rassegna Stampa Cooperative
PDF  Print  E-mail  Wednesday, 28 October 1998 11:52
There are no translations available.

Sette cooperative, 94 tra soci e dipendenti, sono impegnate sul fronte dei servizi culturali.

Dal primo gennaio del 1999 rischiano la smobilitazione.Pispisa di Carbonia. 9 addetti. Si occupa della gestione del servizio guide e accompagnamento nel complesso di Monte Sirai e nel Museo archeologico di Villa Sulcis. Ha anche il compito della custodia del sito archeologico di Monte Sirai.Lilith di Carbonia. 7 addetti. Gestisce la raccolta, la catalogazione e gestione del materiale sulla storia del Sulcis. Ha sede nella biblioteca comunale. Mette a disposizione del pubblico il materiale raccolto con un servizio di consultazione accessibile per 30 ore alla settimana.Scila di Carbonia. 19 addetti. Ha organizzato il sistema bibliotecario interurbano del Sulcis. Si occupa della gestione delle biblioteche e della compilazione del 'catalogo unico' che comprende tutti i testi disponibili nel 'sistema'.Archeotur di Sant'Antioco. 24 addetti. Gestiscono l'intero complesso archeologico del paese con due progetti speciali. Si occupano di servizio guide e della custodia.Montessu di Villaperuccio. 13 addetti. Tra i compiti di questa cooperativa la custodia e la gestione del complesso archeologico di Montessu.Fillirea di Santadi, 9 addetti. Svolgono la vigilanza sul museo archeologico in allestimento. In prospettiva dovrebbero occuparsi anche della gestione.Studio 87 di Sant'Antioco. 13 addetti. Lavora al riordino e alla gestione degli archivi di Sant'Antioco, San Giovanni Suergiu, Villamassargia e Giba.

Fonte: L'Unione Sarda

 
try { var pageTracker = _gat._getTracker("UA-11410147-1"); pageTracker._trackPageview(); } catch(err) {}